Abbiamo scoperto che stai usando una lingua diversa. Vuoi cambiare la versione della lingua in:

Scegli un altro
lang background
caricamento in corso

Bonus infissi: come funziona e come ottenere le detrazioni senza ristrutturazione

Guida al bonus infissi, come funziona e tutto quello che c’è da sapere 

Devi sostituire le finestre? Fino alla fine del 2023 puoi usufruire di importanti agevolazioni fiscali che ti permettono di rientrare di parte della spesa sostenuta. La Legge di Bilancio ha infatti confermato il Bonus infissi per coloro che intendono effettuare interventi di efficientamento energetico della propria abitazione. 

Ecco quindi maggiori informazioni sul bonus infissi, come funziona e quali sono i requisiti per ottenerlo. 

Bonus infissi: come funziona e quali sono le modalità

Prima di spiegarti come funziona il bonus infissi 2023 facciamo una breve premessa. La modifica o la sostituzione degli infissi rientra nell’ecobonus ordinario e le aliquote dell’agevolazione possono variare dal 50% al 65%. 
Si può usufruire dell’agevolazione al 50% anche se si fanno lavori di ristrutturazione, e nel caso in cui l’acquisto degli infissi rientri nell’ambito di interventi finalizzati a far salire l’immobile di almeno due classi energetiche, è possibile accedere alle agevolazioni del Superbonus. 

Con il decreto Cessioni è stato introdotta la cessione dei crediti edilizi e nel documento sono anche state illustrate le variazioni alle percentuali di credito di imposta che vengono riconosciute. 

Ci sono quindi delle novità rispetto al bonus infissi del precedente anno. 

 

Ecco quali sono le possibilità di agevolazione che è possibile richiedere:  

  1. Il Superbonus. In seguito al decreto Cessioni per interventi effettuati dopo il 2023 non è più possibile usufruire di sconto in fattura o cessione del credito. Il Superbonus passa dal 110% al 90% per il 2023, mentre nel 2024 sarà portato al 70% e nel 2025 al 65%. Per beneficiare del Superbonus è necessario sostituire finestre e infissi, porte finestre e portoni di ingresso. Per richiedere  il Superbonus i requisiti primari sono dei lavori trainanti da effettuare sull’edifico, ad esempio l’isolamento termico delle superfici, interventi antisismici, installazione di pompe di calore o caldaie a condensazione. Il tetto massimo detraibile è di 60 mila euro.
  2. Il Bonus Ristrutturazione. È un bonus infissi al 50% che ha scadenza al 31 dicembre 2024. La sostituzione o la modifica del materiale di infissi, serramenti o persiane rientra tra gli interventi di risanamento, restauro o manutenzione straordinaria. È possibile detrarre fino a 96 mila euro delle spese sostenute. Per poter usufruire di questa agevolazione, l’immobile deve risultare in ristrutturazione o essere oggetto di interventi di restauro o manutenzione straordinaria. L’importo della detrazione può essere recuperato in 10 anni in rate di uguale importo dalla dichiarazione dei redditi. Non sono più ammessi cessione del credito o sconto in fattura.
  3. L’Ecobonus. È un bonus infissi senza ristrutturazione che permette di rientrare del 50% della spesa sostenuta, fino a un tetto massimo di 60 mila euro, se l’intervento apporta un miglioramento delle prestazioni energetiche intervenendo sull’efficienza termica.  L’Ecobonus vale sia per i privati, che per i condomini e il rimborso può avvenire sotto forma di cessione del credito o portandola la detrazione in denuncia dei redditi il rimborso viene spalmato in 10 anni in rate di uguale importo. Per l’Ecobonus la data di scadenza è il 31 dicembre 2024. 
Termomodernizacja - dofinansowanie na wymianę stolarki

Come richiedere il bonus infissi?

Per poter usufruire del bonus infissi 2023

  • l’immobile deve essere già accatastato, in fase di accatastamento e dotato di impianto di riscaldamento.
  • è necessario essere in regola con le normative nazionali e locali in materia di urbanistica, sicurezza, efficienza energetica, edilizia e con il pagamento dei tributi.
  • è necessario installare infissi a risparmio energetico che possono migliorare gli indici di trasmittanza e quindi l’isolamento termico e l’efficienza energetica dell’abitazione.
  • la domanda deve essere presentata all’Enea entro 90 giorni dal termine dei lavori allegando una serie di documenti richiesti.

Quali infissi scegliere?

I modelli di infissi a risparmio energetico sono quelli che assicurano un ottimo livello di isolamento termico e acustico come gli infissi in PVC e quelli in alluminio a taglio termico. Nel catalogo di DAKO puoi trovare una vasta gamma di finestre che ti permettono di migliorare il comfort della tua abitazione e quindi di risparmiare energia elettrica in casa.

Vuoi avere altre informazioni sul bonus infissi, su come funziona e quali serramenti sono più indicati per la tua abitazione? Contattaci!

Aggiungi il tuo commento
Scorri verso destra per inviare

Potrebbe piacerti anche:

Termomodernizzazione

Come garantire una corretta ventilazione degli ambienti?

Una corretta ventilazione degli ambienti non solo ha un effetto positivo sulla nostra salute e sul nostro benessere, ma previene anche lo sviluppo di muffe, funghi e acari. Scopri come aumentare l'accesso all'aria fresca nella tua casa.

Scopri dove puoi acquistare i nostri prodotti

Preferenze sui cookie
Signore e Signori, il nostro sito Web utilizza i cookie. È possibile specificare le condizioni per la memorizzazione o l'accesso ai cookie nelle impostazioni.
Preferenze sui cookie
Utilizzo dei cookie

Gentile utente, il nostro sito utilizza i cookie. è possibile definire le condizioni per la memorizzazione o l'accesso ai cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e altri dati sensibili, consultare la nostra Politica sulla privacy  e GDPR.

Maggiori informazioni

Se hai domande sulla nostra politica sui cookie, non esitare a contattarci.