Abbiamo scoperto che stai usando una lingua diversa. Vuoi cambiare la versione della lingua in:

Scegli un altro
lang background
caricamento in corso

Glossario dei termini - finestre e porte finestre

Come si chiamano i singoli elementi delle finestre? Cosa c'è dietro i contrassegni nelle descrizioni dei loro parametri? Per rendere più facile ritrovarsi nel labirinto di frasi non sempre scontate

Spieghiamo i termini più popolari utilizzati nel contesto di finestre e porte finestre


Telaio è un elemento strutturale della finestra incassato nel muro. Una o più ante sono fissate al telaio tramite cerniere.



Anta della finestra è una parte apribile della finestra. È dotata di una maniglia che consente l'azionamento e il controllo dell'anta. L'anta, a seconda della ferramenta utilizzata, può essere a battente, a vasistas oppure a ribalta.



Guarnizioni per finestre sono elementi che garantiscono la tenuta delle finestre. Di serie, le finestre sono dotate di due tipi di guarnizioni: guarnizioni per vetri e guarnizioni di spinta. Entrambi impediscono all'acqua di entrare nel profilo della finestra e di arrugginire la ferramenta. Le guarnizioni di spinta sono anche una barriera al vento, alla polvere e al rumore. Ci sono sempre due guarnizioni per vetri: una dall'esterno, l'altra dall'interno della finestra. La flessibilità e la resistenza alle mutevoli condizioni atmosferiche sono fornite dal materiale di cui sono costituiti, ovvero EPDM o TPS.



Coefficiente di trasmittanza termica è un valore che mostra quanto calore perdiamo per metro quadrato di superficie (es. della finestra o porta) in un'ora, se la temperatura dell'aria esterna è di un grado inferiore a quella dell'ambiente.

Il coefficiente di trasmittanza termica è indicato dal simbolo U [W / m2K]. Più basso è il suo valore, meglio è: il basso coefficiente informa che le finestre e le porte hanno buone proprietà di isolamento termico e garantiscono la riduzione della perdita di calore.



Isolamento acustico – i parametri acustici sono determinati dal coefficiente Rw (dB) che informa sul grado di attenuazione del rumore proveniente dall'esterno dell'edificio. Maggiore è il valore del coefficiente, migliore è la protezione dal rumore garantita dalla finestra. Il valore di questo parametro è influenzato da diversi elementi: la tenuta delle finestre, le loro dimensioni, l'isolamento acustico degli inserti in vetro e la struttura del profilo.



RC (classi di resistenza)) definisce il livello della classe di protezione antieffrazione di finestre e porte su una scala di sei livelli. Negli alloggi unifamiliari, i prodotti più utilizzati sono nelle classi RC2 \ RC3. La norma PN-EN 1627 specifica sei classi di resistenza all'effrazione, comprese finestre e porte, e specifica i metodi e i tentativi di accesso per loro. I certificati che confermano una maggiore resistenza all'effrazione vengono rilasciati da organismi di certificazione che svolgono attività nel campo della valutazione della conformità e hanno l'accreditamento attivo per questo ambito di prove.



Classe del profilo della finestra in PVC e numero di camere. Particolari classi di profili differiscono in termini di spessore e sono determinate in base alle norme applicabili. La classe dei profili influenza principalmente la rigidità del profilo della finestra e la capacità portante degli angoli saldati dei profili. Il profilo della finestra è costituito da camere il cui compito è migliorare le proprietà termiche delle finestre. Al giorno d'oggi, 5 camere sembrano essere uno standard al di sotto del quale non si dovrebbe scendere per mantenere l'isolamento termico della finestra ad un livello soddisfacente.

Profili di classe A - lo spessore minimo della parete visibile è maggiore o uguale a 2,8 mm, e lo spessore minimo della parete invisibile è maggiore o uguale a 2,5 mm. Questa soluzione garantisce maggiore stabilità della finestra, migliori proprietà di isolamento termico e, con l'utilizzo di opportune vetrate, un'efficace protezione dai rumori esterni.

Profili di classe B - lo spessore minimo della parete visibile è superiore a 2,5 mm, e lo spessore minimo della parete invisibile è di 2 mm (la classe C include i profili per i quali non è stato definito lo spessore minimo della parete visibile e invisibile). Una finestra con un profilo classificato in classe A sarà quindi più rigida e stabile rispetto alle finestre in classe B e C.



Ferramenta è un elemento della finestra, il cui compito principale è quello di mantenere la tenuta e di aprire, chiudere e inclinare le ante delle finestre o delle porte. È anche responsabile della sicurezza, proteggendo contro i furti. Uno degli elementi base della ferramenta è la maniglia perché serve per cambiare la posizione dell'anta. Oggi la ferramenta perimetrale è la più popolare, si trova attorno al perimetro dell'anta. Dopo aver chiuso la finestra, preme l'anta in modo uniforme contro il telaio. Ciò garantisce la tenuta e previene la deformazione del profilo. Il tipo di ferramenta che scegliamo dipende da come si apriranno le nostre finestre. Possiamo scegliere tra la ferramenta a battente che consente di aprire la finestra e la ferramenta a ribalta che consente solo di inclinare l'anta. Tuttavia, la soluzione più conveniente è la ferramenta che combina entrambe le funzioni.



Microventilazione è una funzione fornita dalla ferramenta che permette di chiudere in modo incompleto l'anta della finestra. Quando si utilizza questa variante di apertura, l'anta non entra in stretto contatto con il telaio e tra di loro si crea uno spazio di diversi millimetri di larghezza che consente la circolazione dell'aria, proteggendo l'anta dall'apertura in caso di raffica di vento più forte .



Montante fisso/Montante mobile. Il montante è un elemento della struttura della finestra che separa le sue sezioni - a seconda delle capacità di progettazione della finestra o delle preferenze degli investitori, può essere in una versione fissa o mobile. Il montante fisso è un elemento connesso in modo permanente al telaio della finestra, grazie al quale viene mantenuta la maggiore statica e quindi la struttura è più resistente al vento forte o ai tentativi di effrazione. In tale soluzione, ogni anta funziona in modo indipendente, il che consente l'uso di un meccanismo a ribalta in entrambe le ante (con finestre a 2 ante).



Nel caso di un montante mobile, gli elementi della struttura della finestra non sono collegati in modo permanente al telaio dell'anta - e il montante viene creato sovrapponendo le parti di battuta delle ante. In questa variante viene utilizzata una sola maniglia e l'apertura della seconda anta richiede (dopo aver aperto la prima) lo sbloccaggio dei fermi all'interno del telaio dell'anta. Un vantaggio importante del montante mobile è la luce di apertura che non è limitato dal montante verticale. Viene utilizzato quasi sempre nel caso di porte finestre dove è consigliabile un ampio spazio di passaggio.



Vetrocamera una soluzione standard per vetrate di finestre e porte. Attualmente, è standard utilizzare il doppio o triplo vetrocamera, separati da un distanziatore e riempiti di gas nobili. Lo spazio tra due vetri separati da un distanziatore è chiamato camera. Sul mercato sono disponibili vetrate a una, due o tre camere.



Canalina – elemento del vetrocamera che sigilla i bordi dei vetri e separa i vetri l'uno dall'altro. Molto spesso, le canaline sono realizzate in alluminio, la cui elevata conduttività termica consente al calore di uscire fuori attraverso la finestra. Le canaline sono disponibili in vari colori e hanno diversi parametri, tra cui, canalina termica.



Vetro stratificato non è un vetro antieffrazione ma uno che non rappresenta un rischio di lesioni in caso di danneggiamento. Dopo la rottura, il vetro stratificato si romperà in pezzi sfocati o, grazie alla protezione con un film speciale, rimarrà integro dopo il danneggiamento.



Inglesine sono gli elementi decorativi che dividono i vetri in campi. Le soluzioni più comuni sono le inglesine esterne che vengono incollate al vetro dall'esterno o le inglesine interne situate all'interno dei vetri.